Freitag, 6. Februar 2015

Un anno ricco di successi e prospettive



Anche il 2015 può chiudersi a ragione come un anno di successi. Con 33.555 prestiti, circa 37.400 visitatori e oltre 60 manifestazioni, è stato raggiunto un traguardo di tutto rispetto.
Edith Strobl, Dacia Maraini, Manuela Gualtieri
Due terzi dei prestiti (circa 22.200) si riferiscono a libri e riviste. Gli articoli più gettonati nell’ambito dell’offerta multimediale sono stati i film in DVD, che nell’anno appena concluso hanno realizzato 7.828 prestiti. Buoni anche i risultati per le console di gioco e gli altri strumenti multimediali, tenuto conto della loro consistenza patrimoniale.

Il numero complessivo dei prestiti è salito leggermente rispetto all’anno precedente.
1.556 visitatori hanno utilizzato attivamente la biblioteca, numero che corrisponde, in confronto, a quasi la metà degli abitanti del comune. La scuola e l’asilo hanno utilizzato la biblioteca 133 volte. Il numero dei visitatori ammonta complessivamente a 37.400.

Accanto all’offerta dei media e agli spazi accoglienti, vero magnete per il pubblico è stato il ricco programma degli eventi proposti, davvero azzeccati. Il concorso artistico “Orizzonti” ha attirato artisti dal Paese e dall’estero. Due incontri, che hanno ampliato le conoscenze dei partecipanti in merito al ruolo della donna nella Chiesa, con echi di entusiastico gradimento, sono stati la presentazione del film di Maria Blumencron “Gesù e le donne scomparse” e la presentazione del libro di Dacia Maraini “Chiara di Assisi”: due eventi di vero prestigio.

Un’ulteriore attrazione è stata la finale delle Olimpiadi di lettura “Pronti, mezzo, leggi!”, alla quale hanno partecipato circa 200 alunni delle scuole elementari dell’Alta Pusteria.
Un ventaglio di manifestazioni, dalla pittura facciale alle letture animate, dal corso di cromoterapia alla passeggiata naturalistica, hanno arricchito l’offerta apportando nuove conoscenze e facendo vivere emozioni diverse, dalla commozione finanche allo sconcerto.

Ambiziosi rimangono gli obiettivi anche per il 2015. In aprile sarà ospitato il leggendario musicista e autore Andrè Stern, noto per non essere mai andato a scuola, che illustrerà in che modo è possibile estendere i propri orizzonti, al di fuori del contesto scolastico, grazie alla creatività come motore per l’apprendimento e per la vita.
Udo Bernhart presenterà in una mostra le migliori immagini selezionate in trent’anni di giornalismo di viaggio. Non per ultimo, il progetto comunitario “DolomitArt – LandArt nelle Dolomiti Patrimonio Umanità UNESCO” promette di aprire nuovi interessanti scenari artistici e paesaggistici.

Keine Kommentare:

Kommentar posten